domenica 10 dicembre 2017

Infiltrazioni Articolari

https://www.facebook.com/Infiltrazioni-articolari-297015230786944/app/208195102528120/

https://www.researchgate.net/profile/Michael_Lavalley/publication/8956634_Intra-articular_Hyaluronic_Acid_in_Treatment_of_Knee_Osteoarthritis_A_Meta-analysis/links/09e41510a7b3764558000000.pdf

domenica 6 agosto 2017

Spina calcaneare

La spina calcaneare è un problema al piede che coinvolge la zona del tallone. Questa patologia è chiamata anche tallonite. Questa formazione è una esostosi, cioè un tomore benigno dell'osso e si forma con un'escrescenza ossea rivestita con un guscio di materiale cartilagineo.
Questa patologia non da preavviso, i suoi sintomi restano silenti fino a quando, una mattina, si avverte una fitta al calcagno appena messi i piedi per terra. Le cause possono essere l'utilizzo di calzature scomode durante lunghe camminate o per continui allenamenti.
Questo dolore è caratteristicamente sordo e migliora con l'utilizzo di calzature diverse
La spina calcaneare in base alla zona del piede che coinvolge prende il nome di:
Tra i fattori di rischio troviamo il camminare su superfici troppo dure, l'utilizzo di scarpe inadeguate ma anche l'essere sovrappeso può essere una causa incidente. Altre cause sono l'età avanzata, il diabete o fare lavori in cui si necessita di rimanere per molto tempo in piedi.



  • I rimedi per la spina calcaneare sono inizialmente di tipo conservativo e prevedono periodi di riposo anche per ridurre l'infiammazione. L'utilizzo poi di antiinfiammatori locali sempre per diminuire l'infiammazione e il dolore. Si può ricorrere a plantari o scarpe apposite che aiutano a ridurre il dolore e a migliorare la patologia e infine, come terapia di grande efficacia, si può ricorrere alle onde d'urto.
    Le onde d'urto agendo sulla spina innescano dei processi che portano alla riduzione della stessa. Solitamente serve qualche seduta e i benefici si vedranno dopo qualche settimana dall'inizio del trattamento.
    Il vantaggio delle onde d'urto è anche che risultano essere essenzialmente prive di controindicazioni.
    Anche l'utilizzo del ghiaccio ha effetti positivi.
    Gli esercizi di streching anch'essi hanno esiti positivi nel trattamento.

    Circa il 90% dei casi risponde positivamente al trattamento conservativo, nel restante dei casi è possibile ricorrere alla chirurgia per risolvere il problema.


    La diagnosi viene effettuata tramite esame a raggi x che consente di individuare subito e facilmente la presenza dello sperone calcaneare.

    Spesso a una spina calcaneare si associa anche un altra patologia che è la fascite plantare che coinvolge la fascia plantare del piede e causa dolore tipico anch'essa soprattutto al mattino, nel momento in cui si scende dal letto e la fascia plantare si è accorciata durante il sonno.






    domenica 19 marzo 2017

    fascite plantare

    Fascite Plantare

    Tratto da medicinafisica.it

    La fascite plantare è un disturbo molto comune per chi pratica sport, spesso è presente tra gli atleti corridori, maratoneti o che comunque corrono e percorrono lunghe distanze a piede.

    Quando il piede subisce continue sollecitazioni date dalla corsa oppure dai salti o attività fisiche molto stancanti, succede che le sollecitazioni provocano un'infiammazione della fascia plantare che con il tempo si logora e si può sfibrare portando così alla patologia chiamata fascite plantare.

    Questa patologia provoca dolore soprattutto al mattino e questa è la sua caratteristica principe.
    Appena si scende da letto, la fascia essendosi rilassata tutta la notte,  risulta essere più corta del normale e quindi nel momento in cui viene stirata, provoca dolore. Man mano però che si cammina, la fascia ritorna delle dimensioni originarie e il dolore si può attenuare fino a scomparire persino.

    Alcune soluzioni prevedono l'utilizzo di solette per riequilibrare il posizionamento del piede e far si che non vengano applicate sollecitazioni eccessive sulla zona infiammata.

    Non curare questa patologia potrebbe portare successivamente alla rottura della fascia plantare che è ovviamente un brusco peggioramento della condizione, Quando la fascia plantare si rompe si prova un fortissimo dolore e si può avvertire anche uno chiocco all'interno del piede.
    In questi casi non sarà possibile eseguire più nessun tipo di attività fisica e si sarà costretti al riposo.

    Intervenire per la risoluzione è quindi molto importante e ci vorrà tempo e costanza. Si può ricorrere a esercizi riabilitativi e di tipo fisioterapico e sono consigliati esercizi fisici da svolgere a casa e l'applicazione di ghiaccio.

    Lo specialista che dovrà eseguire la visita è il fisiatra o l'ortopedico che sono le figure professionali adatte alo scopo, saranno loro che successivamente vi indirizzeranno alle giuste tecmiche per curare il dolore al piede e il dolore al tallone che sono molto fastidiosi.

    Il dolore sarà di tipo acuto e potrebbe scomparire durante l'attività fisica, per poi tornare quando siamo a riposo ma non per questo è consigliabile fare sforzi, al contrario è sempre meglio stare a riposo e eseguire esercizi di stretching

    martedì 9 agosto 2016

    Allagata la Guardia Medica di Mazzarrà Sant’Andrea

    Intanto a Mazzarrà Sant'Andrea grandi disagi si sono verificati ieri sera a causa del maltempo. Una pioggia incessante ha causato l'allagamento della postazione e della biblioteca adiacente. Il servizio è stato sospeso ed è stato lanciato l'allarme con l'intervento di 112 , 118 e dei vigili del fuoco. Nella giornata di oggi la guardia medica è stata momentaneamente trasferita in una stanza della chiesa del paese. La guardia medica è stata pertanto dichiarata inagibile. Diversi sono state le reazioni di sconforto tra la popolazione locale a causa dell'accaduto: i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza dell'intera struttura era

    no in programma da anni, ma le amministrazioni locali non ne avevano ancora definito l'iter di esecuzione.

    Fonte:



    Guardia Medica, secondo la Regione Umbria sarà garantita 24 ore al giorno

    La Regione Umbria, in vista dell'attuazione della legge Balduzzi prevede di attuare un modello di assistenza in modo da garantire la copertura sanitaria dei cittadini 24 ore su 24. Sarà necessario riorganizzare l'attuale guardia medica senza però determinare la perdita di nessun posto di lavoro.
    Saranno attive delle centrali operative che consentiranno di mediare una proficua integrazione e coordinamento tra medici di base e il personale che oggi opera all'interno della guardia medica. Nasceranno le cosidette AFT,, ovvero delle "aggregazioni funzionali territoriali" e l'ambulatorio del medico di famiglia sarà aperto per 12 ore al giorno 7 giorni su 7.
    Secondo la regione, la nuova riorganizzazione dei servizi determinerà un miglioramento quantitativo e qualitativo dell'intera medicina territoriale , migliorando l'offerta e la rapidità delle prestazioni per i cittadini. Si ribadisce, inoltre, che nessun posto di lavoro sarà perso.

    domenica 7 agosto 2016

    Guardia medica non presente in ambulatorio

    Guardia medica: cosa succede se il dottore arriva tardi in ambulatorio?

    guardia medica orari

    se il medico di guardia arriva con notevole ritardo e senza nominare un sostituto, Commette il reato di interruzione di pubblico servizio il medico del servizio di guardia medica.

    Essendo La guardia medica è un servizio pubblico essenziale, del quale non si può fare a meno se il medico di turno non si presenta  senza avvisare le autorità dell’ASL commette il reato di interruzione di pubblico servizio. questaè la sentenza della Corte di Appello di Lecce che ha condannato un dottore della guardia medica che si è presentato con tre ore di ritardo.
    Il medico addetto al servizio di guardia medica ha degli obblighi ben precisi, legati alla sicurezza dei malati e alla salute pubblica: nemmeno nel caso in cui stia eseguendo una visita a domicilio il medico si salva, perché in tal caso ha il dovere di avvisare gli organi dell'asl che in quel momento non è presente.

    se un malato arriva in guardia medica ed è costretto ad aspettare, può  presentare denuncia presso la locale stazione dei Carabinieri o della Polizia; possono e può anche mettere al corrente dell’accaduto gli organi dell’ASL

    domenica 17 gennaio 2016

     Guardia medica privata è un nuovo servizio che ti permette di ricevere un medico qualificato direttamente nella comodità di casa tua


    Quando non sai a chi rivolgerti oppure il tuo medico non è disponibile per effettuare una visita a domicilio, una soluzione può essere quella di contattare un servizio di guardia medica privato

    Puoi utilizzare questo servizio anche se sei un turista oppure per visitare una persona anziana che, come si sa, è meglio non muovere troppo se non si sente male.

    Come sappiamo, il proprio medico ha centinaia di pazienti da seguire e capita spesso che non riesca fisicamente ad uscire per effettuare le visite. E' qui che diventa molto utile avere dei dottori disponibili a visitarti e ad un prezzo accessibile.